AYMARA e il loro disco d’esordio

Gli Aymara sono una band rock alternativa di Brescia che presenterà a breve, per esattezza l’08 Febbraio, il disco d’esordio.
In questa intervista Eddy (voce e chitarra), Cresta (basso) e Ringhio (batteria) ci hanno raccontato come è nato il loro progetto e cosa raccontano attraverso le loro canzoni.

Buona lettura.

Aymara è qualcosa di nuovo, appena affacciatosi al panorama musicale italiano, raccontateci come è nato il progetto?
Eddy: “Ci conosciamo da tanto tempo e si è sempre pensato di poter fare qualcosa insieme.”
Cresta: “Un paio di anni fa c’è stata l’occasione di trovarsi e di fare una jam in saletta. Da lì in poi non ci siamo più mollati.”
Ringhio: “Anche perché già dalla prima sera si è creata la giusta alchimia.”

Cosa spinge tre musicisti della provincia bresciana a chiamarsi come un popolo andino? Qual è il nesso (se c’è)?
Eddy: “Il nesso è semplicemente il significato intrinseco della cultura aymara, la quale si dice abbia la matrice di ogni lingua e sia in grado di apprendere e capire facilmente gli altri idiomi. Questo accompagna anche il significato della nostra musica che ha l’intento di arrivare ed essere compresa da più coscienze possibili.”

Nel 2020 saturo di suoni sintetici uscite allo scoperto con un sound dai richiami anni ’90. Alla faccia del “Il rock è morto”, quali sono i vostri riferimenti? Oltre ai grossi nomi chi secondo voi merita attenzione oggi?
Eddy: “Quel che ci trasporta non è un singolo genere, ma una moltitudine di sonorità che ci hanno e ti hanno accompagnato da sempre, in questo grande mondo del rock che è certamente la musica più sincera, viene dal profondo. Per quel che riguarda l’attenzione, beh, sicuramente chi ancora non è uscito allo scoperto.”

La sonorità rock presenti nel vostro nuovo disco sono accompagnate da testi profondi e introspettivi, cosa raccontate nei testi e che messaggio vorreste fare arrivare agli ascoltatori?
Eddy: “I testi non sono altro che la prosa del pensiero che si ha verso il proprio mondo, il proprio posto, la propria casa, la propria vita… e con queste poesie si cerca di esorcizzare e descrivere un pensiero che altrimenti sembrerebbe più scontato.”

Il video de “Il demonio è arrivato primo”, il singolo che anticipa l’uscita del disco, sta ottenendo ottimi consensi già solo attraverso l’autopromozione. Come vedete questi risultati in rapporto all’attuale underground musicale?
Eddy: “Li vediamo come un buon auspicio per tutto il lavoro che abbiamo fatto e per tutto quello che ci aspetta nel prossimo futuro!”

Domanda di chiusura, quali saranno le tappe che seguiranno la pubblicazione del nuovo disco?
Eddy: “Saranno sicuramente tappe di crescita e scambio reciproco di energie. La prima sarà la presentazione del disco l’8 di febbraio al Barbagianni di Pontevico e poi seguiranno altre novità che resteranno sempre aggiornate e consultabili sui nostri canali.”
Cresta: “Se venite alla prima scoprirete quale sarà la seconda!”

In attesa della pubblicazione del disco ascoltate il singolo “Il demonio è arrivato primo“:

Seguiteli ai seguenti link:
Facebook: https://www.facebook.com/aymaraofficial
Instagram: https://www.instagram.com/aymara.management

Ringraziamo gli Aymara per la collaborazione.

Pubblicato da gasterecords

Distro, collaborazioni, interviste, concerti e capre. Goat music for goat people.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...