Head Honcho, punk rock from Seattle

Head Honcho are the first band from USA involved in Gasterecords and we’re so proud to spread their name and their records in Europe. A few month ago they released “Appetite For Distraction”, an amazing new album that stoked us since the first listen, a concentrate of energy and melody across the various kind of melodic hardcore. We absolutely wanted to talk about this records and many other things with the band themselves. Enjoy!

Hi guys! Welcome in Gasterecords’s family! Please, introduce yourself: who are Head Honcho? What’s your story? Can you explain the name you choose? We are a melodic hardcore band from Seattle, Washington (USA) made up of friends who met through music either in previous bands or in this one through introductions from other friends in the scene. Our story isn’t very exciting, Ananda and Matt (our guitar players) started Head Honcho with Jason (bass) and Clint (drums) after they had all played together previously in a Seattle band called Gutbomb. We were then introduced to PJ (vocals) from a drummer friend (thanks Noah!) and we immediately started working on songs for our first demo which came out just a few months later. Clint left the band a few years later due to an injury and our friend Doug, who is the singer and one of two amazing guitar players in the band Phantom Racer, joined us on drums (yes, he is one of those annoying people who can play everything). Jason left early this year (2020) due to needing more time for his new baby and family and our friend Justin, who also happens to sing and play in another ripping band called Antlerbag, agreed to take over on bass completing our current lineup. The name Head Honcho is kind of perfect for us in that it’s a ridiculous sounding phrase that really has no special meaning for us. I say this is perfect for us because we spend a lot of time at practice making up stupid sayings and coming up with silly song titles all for the purpose of making each other laugh. When we were thinking about names, our original drummer Clint came up with the name Head Honcho which usually means something like “the boss” or “the best” and we all thought it was completely hilarious since that is the opposite of who we really think we are. We take our music seriously but we are not serious people so the name fit perfectly as a bit of a joke.

Listening to your discography is clear that your sound is influenced by many bands and different kind of stiles, from melodic punk rock to fast and heavy Hardcore, from the 80s to nowadays. Can you mentioned some albums and some bands that make you start playing and define your own sound? Everyone is going to have different answers to this, here is what each of us thinks: Ananda – Iron Maiden (all albums), Dag Nasty (all albums but especially Can I Say and Wig Out At Denkos), RKL (all albums but Rock and Roll Nightmare was huge for me), Propagandhi (all albums), 3 inches of Blood (all albums but Fire up the Blades is unreal), Rise Against (almost all albums), A Wilhelm Scream (all albums but especially A Career Suicide and Ruiner), Anchors (all albums) Matt – Pretty similar to Ananda’s list but probably with a tinge more 80’s rock, and a c-hair of Jive. PJ – Some bands that were influential to me are Strung Out, 88 Fingers Louie, 3 inches of Blood, hot water music, jimmy eat world, rise against Doug – Propagandhi, NOFX, Devo, King Crimson, PEARS, Foo Fighters, Green Day, Lagwagon

Let’s talking about your brand new album: Appetite For Distraction. We think is very impressive, from writing to the recordings. From your point of view, there are big difference from your two previous album? Something change during the creation of this new chapter in your discography? Ananda: For me personally, there are three things that come to mind, the first is my confidence in my playing; I took lessons for the first time and because I had an excellent teacher in Davey French from Everclear (who just happened to live in my neighborhood), I was able to make more progress in my playing than I ever had before. I can’t overstate how much this helped me have the confidence to push myself during recording and not have to simplify riffs that I wouldn’t have been able to record cleanly enough in the past. Second was the fact that we did all the guitar and bass recording ourselves and re-amped the signals later which gave us much more time to get every part as close to perfect as we were able without having to worry about how many hours we were spending in the studio. The last thing that comes to mind was a weekend trip Matt and I took to a cabin his family owns far outside the city. We met for a weekend of songwriting and came out of it with something like 8 songs, many of which are on the new album. That was the most productive writing session we’ve ever had. Doug: This was my first album with the band. They did a lot of the recording process the same. Jesse O’Donnel (of the amazing band Noi!se) tracked the previous two records and he did the drums on Appetite. Jesse is awesome and has such a positive attitude, it was great to finally get to work with him! We recorded guitars and bass ourselves (mostly by Ananda). Vocals were tracked by our friend Ryan “Fluff” Bruce of YouTube and Dragged Under fame. He tracked/mixed/produced the record for my other band, Phantom Racer, which PJ guested on before I was in Honcho. PJ liked his process so much that he wanted him for Appetite. He does great work! The record was mixed by Chris Fogle who recently worked on the new PEARS and Bombpops records. I fell in love with Chris’ mixes on the first two Honcho records.. But he blew it out of the friggin water on this one! Also that PEARS record is AOTY as far as I’m concerned. Other than that, the only big difference is that this is the first record the guys played to a click on. PJ – The addition of Tap Water Doug on drums and the band acting together as one unit working towards a focused goal.

What about the lyrics? What you use to talk about in your songs? There’s something new in this album? PJ – Normally I talk about an experience, or something that’s been on my mind during a specific time in my life. On our record “Come Hither” I was dealing a lot with loss and some personal addiction issues, so there’s a lot on that record about that. With the new record my attitude and life has changed, the songs are more light hearted and looking towards the future and the anticipation of the unknown.

What’s the meaning of Sweathogg? PJ – Sweathogg was written about intense situations that appear in life and how things slow down even when life is moving so fast.

Artwork and title of your new record must have a story behind… can you tell us? Are you big fan of Gun’s and Roses? What do you think about Appetite for Destruction? Matt: Appetite For Destruction is probably in my top 5 favorite albums of all time. I remember in 1987 after seeing the video for Welcome to the Jungle on MTV I called the local Tower Records to see if they had it and the guy hadn’t even heard of them! With that said AFD is the only GnR album I like. Ananda: When the idea came up from PJ and Doug, I just thought it was too good to pass up. The silliness of the name matched with the upside down cross idea just seemed like it fit us to me. Doug: PJ has a better memory of the story than I do… but I think PJ brought up doing a take on the GNR cover and I just blurted out “Appetite for Destruction? More like ‘Appetite for Distraction’”… or something stupid like that. It might’ve been the other way around. PJ and I loved it! And contrary to their answers, the other guys were not stoked on the name. Before playing the new songs at shows, PJ would say “This is off our new album, Appetite For Distraction” just to annoy the rest of the guys haha. Yes, you read that right. We just kept telling everyone the album was called “Appetite for Distraction” and eventually the rest of the band gave up and caved, hahahaha! PJ: I had an idea years ago to do a t-shirt for the band with the Guns N Roses Appetite for Destruction artwork, but with an upside down cross and our skulls. Once we agreed on the “Appetite for Distraction” title I contacted my friend Amanda Pea and she did an amazing job. I wanted to call the album “overthinker”, but I was the only one that really liked it. Doug and I were having a conversation while we were working on a story for one of the music videos. He said “Appetite for Distraction”, i loved it and the other guys were into it too.

Tell us something about the Punk scene in your country and in your area. It’s alive? What about bands, clubs, labels and audience? Seattle has a solid punk scene as do many cities across the US and although it could be bigger, the sense of community and cooperation is huge. All the punk bands in the Seattle scene help each other out and support each other, it’s not a very competitive environment which is great for everyone. The audiences are usually very supportive and when you add a cooperative atmosphere between bands, you often get a lot of people who came for one band sticking around and checking out the others. The US scene is solid but it’s not as strong as it is in Europe and I think that has a lot to do with the differences in labor laws (there is no guaranteed vacation in the US, in fact most people do not have paid vacation here), how bands are typically paid in the US, and our government’s lack of support for the arts in general which all hinder touring. Clubs here generally don’t give guarantees to touring bands unless they are pretty big so as an unknown band passing through a small town you are not going to make much money at all. You will get some money from what people pay to get in but usually only after the sound guy gets paid and you split it with the other bands so it’s common to only make about $20 (US) at a touring show plus whatever merch you can sell. Unfortunately, almost all clubs pay bands this way so it’s a real problem that makes it very difficult to tour here. As far as local clubs, there are some good ones in Seattle that are supportive of the punk scene. The Kraken is where we played our first show and is a special venue for us. The owners are great people, they try to make sure all bands get paid and give lots of local and touring bands a place to play. The Victory Lounge, Lucky Liquor, The Plaid Pig, The Valley are local clubs that have shows and support local bands and have owners that care. There are a lot of great labels in the US punk scene but they often have very tiny budgets so they can only do a few releases per year but they make them count. Check out Tiny Dragon Music out of Seattle run by Drew Smith, formerly of Burn, Burn, Burn and now playing with our drummer Doug (in his third band) in Street Jail, they are a great example of this. Additionally, a lot of labels will help bands with distribution even if the album wasn’t released on their label. Again, cooperation over competition is what makes it work. Doug: Check out Snatchee Records, Tiny Dragon Music, N7E Records for labels. For venues in WA check out The Kraken, Airport Tav, Plaid Pig and Lucky Liquor. For bands… (shameless plug) check out my other bands Phantom Racer, Street Jail and Silent Opposition! Also check out Antlerbag, Burn Burn Burn, Hilltop Rats, Good Touch, Land of Wolves, Mables Marbles, Kids on Fire, Everything Sux, Coyote Bred, FCON, Generation Decline, Chance to Steal and probably a bunch more that I’m forgetting at the moment.

A couple of years ago you toured Europe for the first time. It was a good experience? What you appreciate the most and what you didn’t? Did you find many difference in the audience/Bands/shows/organizations between Europe and USA? Ananda: It was a top five life event for me personally (Ananda) and similar sentiments were expressed by all band members. It was such a great experience that we were set to come back last summer before COVID hit us. The appreciation and work of the promoters and club managers/owners was honestly beyond anything we’d ever experienced. From getting paid at every show to having meals cooked and served to us each night to having a place to sleep for free most nights, it’s just a very different experience than touring in the US. Every venue we played was run exceptionally well and the events were well organized, it was impressive. The audience turnout was good some nights and not so good on others but the people who did show up were incredibly supportive. It means a lot when 20 people you don’t know decide to stick around and hear your set. People also bought a decent amount of merch which really helped as well. There were some great bands we toured with (The Affect Heuristic and Fair Do’s) but there were also some cool local bands we played with at some of the venues as well. Just like the venues and the audiences, the bands were super supportive. Doug: It was amazing to finally get over to Europe for my first time! We had a blast and met so many rad people. But here’s a question… what’s up with Europe and Spliffs? I mean I know it’s hard to get weed over there but … keep your tobaccy out of my wacky tobaccy!

We know you have met many bands and friends in Europe, what’s your favorites? The bands you would like to sharing the stage (again or for the first time)? Ananda: There are genuinely too many to list but I’ll try; here are the bands that are on my list of bands I want to play with in no specific order: Darko The Affect Hueristic Money Left to Burn Rebuke Disordine Fair Do’s Requiem for Paula.P Straightline Forever Unclean The Human Project Fights and Fires Stanis Dead Neck Kill the President Matt: The solo works of Sean Arnold Doug: I’d love to play with The Affect Heuristic and Fair Do’s again. Great guys, amazing musicians and killer bands! Darko is rad obviously. There’s a UK band called Weatherstate I’ve been into for the past few years. Also would love to play with Disordine!

Pic by Adrien Way

For us punk rock is absolutely mixed with politics, it means anti-racism, anti-fascism and anti-homophobia. These year in your country a lot of think happened… how do you live this? How all of this make you feel? What’s your reaction? Ananda: While we are not an overtly political band, what’s been going on in our country impacts us all and has been a source of grave concern. We’re especially concerned about oppressive laws and violence that target already marginalized groups such as minorities, LGBTQIA+, minority religions, atheists, and anarchists because we have friends and family who belong to those groups and we can see how these things are hurting them. Learning that there are over 70 million people in the US that still support Trump despite all the laws and ethics he’s violated in attempts to hurt these groups is really difficult to accept but it is real and we have to deal with it as a country. Seeing all of this of course makes us want to do what we can to help. Being such a large problem makes it difficult to know the best way to have a positive impact but what I’ve found is that it’s the little acts that seem to have the biggest impact. Making sure to support the jobs and business of those who are impacted by these fascist attempts to divide us is one great way to help and it requires nothing more than choosing to spend your money with someone who is suffering from these actions and policies. I’ve also found that simply reaching out to check on these friends and family who are being targeted is very helpful in supporting them because many people don’t want to ask for help but if you ask instead, they will let you know what you can do to assist them. We have a long way to go. Matt: After complimenting his performance behind the kit one night a few years back, Scotty Powell from Get Dead told me something to the effect of “It doesn’t matter what room you’re in, in what city, in what country, punk rock is a worldwide community full of some of the nicest, humble, most talented people on earth no matter where you are.” That stuck with me and proved to be so true during our trip through Europe. I think being a musician amongst so many great people will always trump where anyone is from. And fuck Trump. Doug: My reaction to Trump and the police brutality is one of absolute disgust. Earlier this summer a few friends from local bands hit me up (Sam of Everything Sux, Jonny of Kids On Fire and Ronnie of Mables Marbles) about making an Anti Racism PSA video. We got 70+ Northwest bands (mostly from Washington and Oregon, but we got as far south as California) to make a video speaking out against racism, facism, police brutality, etc. Really we just gave these bands a soapbox to speak out against the things that are going on here. We called the project WARP (Washington Anti Racist Punks). You can find our videos on the Bridge City Sessions YouTube or on our facebook page (https://www.facebook.com/warppnw).

Well, that’s all. Or maybe not: choose a question and give an answer, or just talk about you want/ need/thin is important 😉 How do you think Europeans feel about bands from the US right now with all that is going on here?

[ITA]
Gli Head Honcho sono la prima band Americana a collaborare con Gasterecords e noi siamo orgogliosi di diffondere il loro nome e la loro musica in Europa.
Il Primo Maggio 2020 hanno pubblicato “Appetite For Distraction”, un nuovo incredibile album che ci ha emozionati sin dal primo ascolto, un concentrato di energia e melodia attraverso tutte le sfumature dell’HC Melodico. In questa intervista abbiamo parlato del loro nuovo disco e di un sacco di altre cose interessanti. Buona lettura!

Ciao ragazzi! Benvenuti nella famiglia di Gasterecords! Chi sono gli Head Honcho e qual è la vostra storia? Come è avvenuta la scelta del nome? Siamo una band che suona HC melodico da Seattle, Washington (USA) composta da amici che si sono conosciuti attraverso la musica, sia per i progetti precedenti di ognuno, sia tramite presentazioni di vari amici all’interno della scena.
La nostra storia non è particolarmente eccitante, Ananda e Matt (i due chitarristi) hanno iniziato il progetto Head Honcho con Jason (basso) e Clint (batteria) dopo aver suonato insieme in una band di Seattle chiamata Gutbomb. Un amico batterista (grazie Noah!) ci ha poi presentato PJ (voce) e abbiamo immediatamente iniziato a lavorare al nostro primo demo, uscito pochi mesi dopo. A causa di un infortunio, Clint ha lasciato la band pochi anni dopo e il nostro amico Doug, che è anche il cantante e uno dei due incredibili chitarristi dei Phantom Racer, è entrato nella formazione alla batteria (si, lui è una di quelle fastidiose persone che sa suonare bene qualsiasi cosa). Jason ha avuto un altro bambino e all’inizio di quest’anno ha deciso di lasciare la band per poter dedicare più tempo alla sua famiglia e il nostro amico Justin, che canta e suona anche nella band Antlerbag, ha accetto di diventare il nuovo bassista completando così la formazione attuale.
Il nome Head Honcho è perfetto per noi in quanto è una frase dal suono ridicolo che non ci descrive affatto. Dico che è perfetto per noi perché passiamo molto tempo durante le prove a inventare stupidi detti e sciocchi titoli di canzoni, tutto allo scopo di farci ridere a vicenda. Quando stavamo pensando al nome, il nostro batterista originale Clint ha inventato il nome Head Honcho che sta a significare “il capo” o “il migliore” e quindi tutti abbiamo pensato che fosse completamente esilarante dato che è l’opposto di chi/cosa siamo veramente. Prendiamo sul serio la nostra musica ma non siamo persone serie, quindi questo nome è un piccolo scherzo e si adatta perfettamente a noi.

Ascoltando la vostra discografia è chiaro che il vostro sound è influenzato da molte band e diversi generi e stili, dal punk rock più melodico all’HC più veloce e aggressivo, dalle correnti anni 80 a quelle dei giorni nostri. Potreste menzionare qualche band e qualche album che vi hanno spinto a iniziare a suonare e che hanno contribuito a creare il vostro sound? Ognuno di noi ha risposte diverse a questa domanda, eccole tutte. Ananda: Iron Maiden (tutti gli album), Dag Nasty (tutti gli album ma sopratutto Can I Say e Wig Out at Denkos), RKL (tutti gli album ma Rock’n’Roll Nightmares per me è il migliore), Propaghandhi (tutti gli album), 3 Inches Of Blood (tutti ma Fire Up the blades è incredibile!), Rise Against (quasi tutti gli album), a Wilhelm Scream (specialmente Career Suicide e Ruiner), Anchors (tutti gli album).

Matt: molto simile alla lista di Ananda ma probabilmente con più rock anni 80.

PJ: Strong Out, 88 Fingers Louie, 3 inches of blood, Hot Water Music, Jimmy Eat World, Rise Against.

Doug: Propagandhi, NOFX, Devo, King Crimson, Pears, Foo Fighters, Green Day, Lagwagon

Parliamo di Appetite for Distraction ,il vostro ultimo abum. Noi lo troviamo impressionante, dalla scrittura alla registrazione. Dal vostro punto di vista, ci sono grosse differenze con i vostri due precedenti album? È cambiato qualcosa durante la creazione di questo nuovo capitolo della vostra discografia?
Ananda: personalmente ci sono tre cose che mi vengono in mente. La prima è la mia fiducia nel mio modo di suonare, acquisita grazie al fatto che per la prima volta ho preso lezioni con un ottimo insegnante: Davey French di Everclear (che viveva nel mio quartiere). Sono riuscito a fare progressi nel mio modo di suonare. Non voglio esagerare, ma questo mi ha dato la sicurezza di spingermi oltre durante le registrazioni in modo da non dover semplificare i riff che inece in passato non sarei riuscito ad eseguire in modo sufficientemente pulito. Il secondo motivo è che tutte le parti di chitarra e basso le abbiamo registrate in autonoma per poi riamplificare le tracce successivamente in studio, il che ci ha dato molto di più tempo per ottenere ogni parte il più vicino possibile alla perfezione senza doversi preoccupare di sprecare ore in studio. L’ultima cosa che mi viene in mente è il viaggio fatto con Matt in un fine settimana in una baita che la sua famiglia possiede fuori città, ci siamo incontrati li per comporre e ne siamo usciti otto canzoni, molte delle quali sono state inserite nel nuovo album. Questa è stata la sessione di scrittura più produttiva che abbiamo mai fatto.

Doug: questo è stato il mio primo album con la band. Jesse O’Donnel (della fantastica band Noi!Se) ha registrato i due dischi precedenti e si è occupato delle registrazioni delle parti di batteria di Appetite. Jesse è un grande e ha un atteggiamento davvero positivo, è stato fantastico poter finalmente lavorare con lui! Abbiamo registrato chitarre e basso da soli (principalmente da Ananda). Le voci sono state registrate dal nostro amico Ryan “Fluff” Bruce di YouTube e Dragged Under. Ha registrato, mixato e prodotto il disco anche dell’altra mia band, i Phantom Racer, in cui PJ era ospite prima che io entrassi negli Head Honcho. A PJ piaceva così tanto il suo approccio che lo voleva per Appetite. Il disco è stato mixato da Chris Fogle che ha recentemente lavorato ai nuovi dischi PEARS e Bombpops. Mi sono innamorato dei mix di Chris nei primi due dischi degli Head Honcho, ma qui si è superato! Anche nei dischi di PEARS e AOTY per quanto mi riguarda. Inoltre, l’unica grande differenza è che questo è il primo disco in cui i ragazzi hanno suonato a click.

PJ : L’aggiunta di Tap Water Doug alla batteria e la band che ha lavorato unita per un obiettivo mirato.

Cosa potete dirci a proposito dei vostri testi? Di cosa parlano le vostre canzoni? C’è qualcosa di nuovo in questo album soot questo punto di vista?
PJ: Normalmente parlo di un’esperienza, o di qualcosa che mi è venuto in mente durante un periodo specifico della mia vita. Nel nostro disco “Come Hither” avevo a che fare molto con la perdita e alcuni problemi di dipendenza personale, quindi c’è molto in quel disco a riguardo. Con il nuovo disco il mio atteggiamento e la mia vita sono cambiati, le canzoni sono più leggere e guardano al futuro.

Qual è il significato di Sweathögg?
PJ: Sweathögg parla di situazioni intense che accadono nella vita e di come, a volte, le cose rallentano anche quando la vita si muove molto velocemente.

L’artwork e il titolo del tuo nuovo disco devono avere una storia alle spalle, potete raccontarcela? Siete dei grandi fan dei Gun’s and Roses? Cosa ne pensate di Appetite for Destruction?
Matt: Appetite For Destruction è probabilmente tra i miei 5 migliori album preferiti di tutti i tempi. Ricordo che nel 1987, dopo aver visto il video di Welcome to the Jungle su MTV, ho chiamato la Tower Records locale per vedere se ce l’avevano e il ragazzo non ne aveva nemmeno sentitoparlare! Detto questo, AFD è l’unico GnR album mi piace.

Ananda: Quando l’idea è nata da PJ e Doug, ho pensato che fosse troppo bello per lasciarsela  sfuggire. La stupidità del nome abbinata all’idea della croce capovolta sembrava proprio che si adattasse.

Doug: PJ ha una memoria della storia migliore di me, ma penso che PJ abbia presentato una versione della copertina di GNR e io ho semplicemente storpiato “Appetite for Destruction” in “Appetite for Distraction” o qualcosa di stupido del genere. Potrebbe essere stato il contrario. PJ e io lo adoravamo! Gli altri ragazzi non erano entusiasti del nome. Prima di suonare le nuove canzoni ai concerti, PJ diceva “Questo è il nostro nuovo album, Appetite For Distraction” solo per infastidire il resto dei ragazzi. Sì, avete letto bene. Continuavamo a dire a tutti che l’album si chiamava “Appetite for Distraction” e alla fine il resto della band si arrese e cedette!

PJ: Ho avuto l’idea anni fa di fare una t-shirt per la band con l’artwork Appetite for Destruction dei Guns N Roses, ma con una croce capovolta e i nostri teschi. Una volta concordato il titolo “Appetite for Distraction”, ho contattato la mia amica Amanda Pea e ha fatto un ottimo lavoro. Volevo chiamare l’album “overthinker”, ma ero l’unico a cui piaceva davvero. Doug e io stavamo conversando mentre stavamo lavorando a una storia per uno dei video musicali. Ha detto “Appetite for Distraction”, l’ho adorato.

Diteci qualcosa sulla scena punk del vostro paese e della vostra zona. È viva? Parlateci delle band, delle venue, etichette e del pubblico. Seattle ha una scena punk solida, così come molte altre città negli USA, e, anche se potrebbe essere più grande, il senso di comunità e cooperazione è fortemente sentito. Tutte le punk band della scena di Seattle si aiutano e supportano a vicenda, non è una situazione competitiva ed è la cosa migliore per tutti. Il pubblico solitamente supporta molto, e quando crei un atmosfera si supporto tra band, chi viene per sentirne una ascolta anche tutte le altre.
La scena americana è solida ma non come quella europea, penso che questo abbia molto a che fare con le differenze delle leggi sul lavoro (non ci sono ferie garantite negli Stati Uniti), di come le band sono generalmente pagate negli Stati Uniti e dala mancanza di supporto da parte del nostro governo relativamente all’arte. I club qui generalmente non danno un cachet garantito alle band in tour a meno che non siano abbastanza grandi, quindi una band sconosciuta di passaggio in una piccola città non guadagna affatto molti soldi; questo dipende dal costo del biglietto di ingresso al locale, che generalmente viene utilizzato per pagare il fonico e successivamente e il resto viene diviso tra le band, quindi è comune guadagnare circa 20 dollari a concerto in tournée, più quello che riesci a vendere dal merch. Sfortunatamente, quasi tutti i club pagano le band in questo modo.
Per quanto riguarda i club locali, ce ne sono alcuni buoni a Seattle che supportano il punk. Il Kraken è dove abbiamo suonato il nostro primo concerto e per noi è un luogo speciale. I proprietari sono persone fantastiche, cercano di assicurarsi che tutte le band vengano pagate e danno a molte band un posto dove suonare. The Victory Lounge, Lucky Liquor, The Plaid Pig, The Valley sono altri club locali che organizzano molti live, supportano le band locali e hanno proprietari che si prendono cura di loro.
Ci sono molte grandi etichette nella scena punk americana, ma spesso hanno budget molto piccoli e possono pubblicare solo pochi dischi all’anno ma alla quale ci tengono molto. Date un’occhiata alla Tiny Dragon Music di Seattle gestita da Drew Smith, ex Burn, Burn, Burn e che ora suona con il nostro batterista Doug (nella sua terza band) Street Jail. Inoltre, molte etichette aiutano le band con la distribuzione anche se l’album non è stato pubblicato dalla loro etichetta. Anche qui, la cooperazione è superiore alla concorrenza, ed è ciò che fa funzionare tutto.

Doug: Come etichette date un’occhiata anche a Snatchee Records, Tiny Dragon Music, N7E Records.i locali a WA invece: The Kraken, Airport Tav, Plaid Pig e Lucky Liquor.
Per le band (pubblicità spudorata) cito le mie altre band Phantom Racer, Street Jail e Silent Opposition! Ascoltate anche Antlerbag, Burn Burn Burn, Hilltop Rats, Good Touch, Land of Wolves, Mables Marbles, Kids on Fire, Everything Sux, Coyote Bred, FCON, Generation Decline, Chance to Steal e molte altre ancora che al momento sto dimenticanto.

Un paio d’anni fa siete venuti in tour in Europa per la prima volta. È stata una bella esperienza? Cosa avete apprezzato di più e cosa non avete gradito? Avete riscontrato molte differenze nel pubblico / nelle band / nei concerti/ nell’organizzazione tra Europa e USA?
Ananda: Per me è stato uno dei primi cinque eventi della vita, e sentimenti simili sono stati espressi da tutti i membri della band. È stata un’esperienza così bella che saremmo tornati la scorsa estate prima del blocco dovuto al Covid. L’apprezzamento e il lavoro dei promoter e dei  proprietari dei club era al di là di qualsiasi cosa che avessimo mai sperimentato. Dall’ essere pagati ad ogni spettacolo ad avere cene servite ogni sera fino a trovare un posto dove dormire gratuitamente. È un’esperienza molto diversa dal tour negli Stati Uniti. Ogni luogo in cui abbiamo suonato era gestito eccezionalmente e gli eventi sono stati ben organizzati, è stato impressionante. L’affluenza al pubblico è stata buona alcune sere e non così buona in altre, ma le persone che si sono presentate sono state incredibilmente di supporto. Significa molto quando venti persone che non conosci e non ti conoscono decidono di venire e restare ad ascolta il tuo set. Il pubblico ha anche acquistato una discreta quantità di merchandising che ci ha davvero aiutato. In tour siamo andati con due band fantastiche (The Affect Heuristic and Fair Do’s) ed abbiamo condiviso il palco anche con alcune band locali che ci hanno supportati alla grande.

Doug: è stato fantastico suonare finalmente in Europa per la mia prima volta! Ci siamo divertiti

molto e abbiamo incontrato tante persone fantastiche. Ma ecco una domanda: cosa succede in Europa con le canne? Voglio dire so che è difficile viaggiare con l’erba ma…” keep your tobaccy out of my wacky tobaccy!”

Sappiamo che avete incontrato e conosciuto molte band e amici in Europa, quali sono i vostri preferiti? Le band con cui vorreste condividere il palco (di nuovo o per la prima volta)?
Ananda: Ce ne sono davvero troppi da elencare ma ci proverò, ecco le band con la quale vorrei supnare: Darko, The Affect Hueristic, Money Left to Burn, Rebuke, Disordine, Fair Do’s, Requiem for Paola.P, Straightline, Forever Unclean, The Human Project, Fights and Fires, Stanis, Dead Neck, Kill the President.

Matt: il progetto solista di Sean Arnold.

Doug: mi piacerebbe suonare ancora con i The Affect Heuristic e i Fair Do’s. Grandi persone, ottimi muscisti e band incredibili! Ovviamente anche i Darko. C’è una band inglese chiamata Weatherstate alla quale mi sono appassionato negli ultimi anni. Inoltre mi piacerebbe suonare molto con i Disordine!

Per noi il Punk Rock è strettamente legato alla politica, significa anti-razzismo, antifascismo, anti-omofobia. Quest’anno nel vostro paese sono successe un sacco di cose, come avete vissuto tutto questo? Come vi siete sentiti? Quali sono state le vostre reazioni?
Ananda: Anche se non siamo una band apertamente politica, quello che sta succedendo nel nostro paese ha un impatto su tutti noi ed è stato motivo di grave preoccupazione. Siamo particolarmente preoccupati per le leggi oppressive e la violenza che prendono di mira gruppi già emarginati come minoranze, LGBTQIA +, religioni minoritarie, atei e anarchici perché abbiamo amici e familiari che appartengono a quei gruppi e possiamo vedere come queste cose li stiano danneggiando. Apprendere che ci sono oltre 70 milioni di persone negli Stati Uniti che ancora supportano Trump nonostante tutte le leggi e l’etica che ha violato nel tentativo di danneggiare questi gruppi è davvero difficile da accettare, ma è reale e dobbiamo affrontarlo. Vedere tutto questo ovviamente ci fa spinge a fare il possibile per aiutare chi ha bisogno. È difficile vedere la soluzione di un grosso problema come questo ma quello che ho scoperto è che sono i piccoli gesti che sembrano avere il maggiore impatto. Sostenere il lavoro e le attività di coloro che sono colpiti da questi tentativi fascisti di dividerci è un modo per aiutare e non richiede altro che investire i propri soldi con qualcuno che soffre a causa di queste azioni e politiche. Ho anche scoperto che contattando questi amici e familiari è fondamentale perché molte persone non vogliono chiedere aiuto ma se invece ti proponi ti faranno sapere cosa puoi fare per loro. Abbiamo una lunga strada da percorrere.

Matt: Dopo aver fatto i complimenti per la sua performance una sera di qualche anno fa, Scotty Powell dei Get Dead mi ha detto qualcosa sul tipo “Non importa in quale stanza ti trovi, in quale città, in quale paese, punk rock è una comunità mondiale piena di alcune delle persone più simpatiche, umili e di talento della terra, non importa dove ti trovi “. Questo è emerso anche durante il nostro viaggio attraverso l’Europa. Penso che essere un musicista tra così tante persone fantastiche trionferà sempre a prescindere da dove provieni. E fanculo Trump.

Doug: La mia reazione a Trump e alla brutalità della polizia è di assoluto disgusto. All’inizio di questa estate alcuni amici di band locali mi hanno contattato (Sam di Everything Sux, Jonny di Kids On Fire e Ronnie di Mables Marbles) per la realizzazione di un video PSA anti-razzismo. Abbiamo avuto più di 70 band del Nordovest (principalmente da Washington e Oregon, ma siamo arrivati a sud fino alla California) per fare un video contro il razzismo, il fascismo, la brutalità della polizia. In questo modo abbiamo dato a queste band un palcoscenico per manifestare contro i fatti che stanno succedendo qui. Abbiamo chiamato il progetto WARP (Washington Anti Racist Punks). Puoi trovare i nostri video su Bridge City Sessions YouTube o sulla nostra pagina Facebook (https://www.facebook.com/warppnw).

Ringraziamo gli Head Honcho per questa bella intervista, li aspettiamo dal vivo in Italia!

Ecco dove potete trovarli:
Bandcamp: headhonchomusic.bandcamp.com/
Facebook: HeadHonchoGeorgetown

Pubblicato da gasterecords

Distro, collaborazioni, interviste, concerti e capre. Goat music for goat people.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...